Home » Articolo » Mettere a tacere il Critico Interiore

Mettere a tacere il Critico Interiore

Pillole di Felicità  -  

Data di pubblicazione: 23 Agosto 2022

Prendi il controllo della tua vita mettendo a tacere il tuo Critico Interiore

Facciamo un po’ di chiarezza iniziale. 

Il Critico Interiore è la voce nella nostra testa che ci dice cose negative di noi stessi. Fa parte della nostra evoluzione e della nostra biologia ed è fondamentale per la sopravvivenza perchè è la voce che vuole tenerci al sicuro. Tuttavia, anche se il vostro critico interiore ha delle buone intenzioni, rischia di limitarvi nella vostra vita e soprattutto nel vostro successo individuale.

 

Vediamo un esempio pratico:

avete 10 anni e la maestra chiede alla classe se qualcuno ha una domanda. Voi alzate la mano e fate la vostra domanda. Tutta la classe ride. Quante probabilità ci sono che in futuro vi esponiate davanti a delle persone per fare una domanda durante una riunione? Poche. 

Sapete perché? Perché il vostro Critico Interiore, per evitare di farvi sentire imbarazzati e stupidi come a 10 anni, vi dice: “Fai solo domande stupide”. 

Peccato che magari è una domanda molto utile e voi state evitando di farla. 

 

Se il vostro Critico Interiore si scatena, potreste avere pensieri come questi:

“Non valgo niente”

“Non sono bravo come loro”

“Vorrei essere più bella/più intelligente/più ricca/ecc.

“Perché mi sento sempre così solo?”

“Non riesco a cambiare”

“Nessuno mi capisce”

“Sono strano”

 

Vediamo 4 passi per cambiare la situazione:

 

1. Identificate le vostre storie

Per capire esattamente quali tasti vengono toccati dal nostro Critico Interiore, bisogna esplorare le proprie storie, perché ognuno di noi ha delle storie che si racconta. Anche se alcune di queste storie che ci raccontiamo aiutano a regolare le emozioni, ad affrontare le esperienze dolorose e a cambiare prospettiva, non tutte le storie sono utili.

“Non sarò mai all’altezza del mio potenziale”

“Non sono importante”

“Sono sfortunato”

“Sono solo fortunato”

“Sto deludendo i miei figli”

“Non sono bravo con i soldi”

“Non c’è niente che vada bene per me”

“Non finisco mai ciò che inizio”

“Sono sfaticato”

 

Le storie che ci raccontiamo possono cambiare la nostra vita. Quindi cerchiamo di fare chiarezza su ciò che ci raccontiamo.

Piano d’azione: Prendete carta e penna e scrivete la vostra risposta a queste 5 cose fondamentali:

  • Quali sono le storie che vi state raccontando?
  • Da dove vengono?
  • Sono vere?
  • Credere a queste storie quali effetti negativi ha su di me?
  • Come cambierei se cambiassero le mie storie?

 

Facciamo un esempio:

  • Quale storia vi state raccontando?

“Mi impegno molto al lavoro, ma il mio capo non mi apprezza”

 

  • Da dove viene questa storia?

“Il mio pensiero deriva dal fatto che faccio gli straordinari al lavoro e non ricevo un feedback positivo dal mio capo”

 

  • La tua storia è vera?

“Forse no, perché il mio capo è molto impegnato e potrebbe provare apprezzamento, ma non dimostrarlo”.

 

  • Credere a questa storia quali effetti negativi ha su di me?

“Sì, perché mi fa provare rancore nei suoi confronti e faccio straordinari con frustrazione”.

 

  • Come cambierei se cambiasse la mia storia?

“Lavorerei più serenamente e soddisfatto per quel che faccio”.

 

Una volta scritte le vostre risposte, dovreste capire chiaramente se è il caso di cambiare o meno storia…

 

2. Creare affermazioni positive

Per trasformare il vostro Critico Interiore in un Sostenitore Interiore, provate a cambiare i vostri pensieri con altri più positivi. Potrebbe essere utile provare a fare un’affermazione positiva, come ad esempio:

“Io sono positivo. Sono apprezzato. Sono abbastanza”.

“Sto facendo con fiducia scelte che creeranno un futuro migliore”.

“Sono presente, fiducioso e calmo”.

“Sono una donna sicura e capace. Sono potente e merito di essere apprezzata”.

 

Piano d’azione: 

  • Scrivete su dei post-it il vostro elenco di affermazioni positive e appendeteli alla parete.
  • Ripetete le vostre affermazioni ogni giorno. 
  • Impostate dei promemoria sul vostro telefono con queste affermazioni e prendetevi qualche secondo al giorno per leggerle.

 

3. Uscite dalla vostra bolla

Spesso ci portiamo dietro storie negative perché ci circondiamo di altre persone con pensieri negativi e veniamo intrappolati in una bolla di negatività.

A volte, per cambiare i nostri pensieri è necessario cambiare l’ambiente esterno.

Piano d’azione: Scegliete una cosa da questo elenco e mettetela in pratica nelle prossime settimane/mesi.

  • Fare una vacanza o un viaggio al di fuori della vostra zona di comfort
  • Incontrare nuove persone con un background diverso
  • Andare in campeggio con gli amici
  • Provare un nuovo hobby a contatto con le persone
  • Provare una nuova app per incontrare persone con cui condividere esperienze
  • Approfondire una conoscenza con qualcuno

 

4. Sostituire “Dovrei…” Con “Dovrei?”

Pensate a un commento assillante nella vostra testa che avete avuto di recente e che iniziava con “Dovrei…”.

Potrebbe essere:

“Dovrei essere più estroverso al lavoro”.

“Dovrei essere coraggioso come un tempo”.

“Dovrei essere pagato di più”.

“Dovrei farmi rispettare”

“Dovrei chiedere l’aumento”

 

I “dovrei” sono bandiere rosse. Possono indurvi a pensare che ci sia qualcosa di sbagliato in voi. 

Invece, chiedetevi perché vi sentite così:

 

“Dovrei essere più estroverso al lavoro?”

“Dovrei essere più coraggioso come prima?

“Dovrei essere pagato di più?”

 

Quando le riformulate come domande, la vostra mente si sposta e comincia a pensare al PERCHE’ vi sentite così. Forse da bambini vi hanno detto che dovreste essere più estroversi. O forse vedete i vostri amici sui social che hanno oggetti costosi mentre la vostra vita sembra insipida.

 

Suggerimenti per l’azione: Scoprite i “dovrei” della vostra vita. Scrivete almeno 3 “dovrei”:

Dovrei ___________.

Dovrei ___________.

Dovrei ___________.

 

Riformulateli:

Dovrei ______? Perché lo penso?

Dovrei ______? Perché lo penso?

Dovrei ______? Perché lo penso?

 

Siete arrivati ad un ottimo punto! 

Rivediamo in sintesi i vari passaggi:

  • Identificate le vostre storie negative e non ignoratele.
  • Scegliete le vostre affermazioni positive preferite e usatele durante la giornata.
  • Mettete in discussione le vostre stesse storie
  • Uscite dalla vostra bolla e cambiate il vostro ambiente.
  • Sostituite le affermazioni “dovrei…” con domande “dovrei?”.
  • E ricordate: voi siete unici! 

 

Se avete bisogno di un supporto per identificare quali storie il Vostro Critico Interiore racconta incessantemente e volete dargli una promozione trasformandolo nel vostro Sostenitore Interiore, un Bravo Coach può facilitarvi nel processo. 

Trova il tuo Coach cliccando qui.

Leggi altri articoli

I sintomi dello Stress da lavoro
Nel mondo del lavoro moderno, caratterizzato da ri[...]
I Segreti della Felicità: i tratti in comune delle persone più felici
La felicità è un desiderio universale che tutti [...]
Come coltivare l’Ottimismo con il Coaching
Dote naturale o abilità coltivabile? Nella vita q[...]
UN BRAVO COACH
Una Directory indipendente creata per diffondere il VERO Coaching ed aiutare le persone a scegliere Coach Professionisti, qualificati e competenti.
Cerca e trova il tuo BRAVO Coach.
I tuoi obiettivi non sono mai stati così vicini.
SEGUICI SUI CANALI SOCIAL
BISOGNO DI AIUTO?

2022 © All Rights Reserved - Tutti i diritti riservati by Patricia Stanghellini - P.iva 01428430118

POR FESR 2014-2020 Asse 3 "Competitività delle imprese" - Azione 3.1.1 - "Digitalizzazione delle micro, piccole e medie imprese" - Bando 2022
chevron-down